ANNA MARIA ORTESE 

 

Nasce a Roma nel 1914, a 23 anni esordisce con la raccolta di racconti Angelici dolori. Dopo aver trascorso parte della sua gioventù a Napoli vi si trasferisce stabilmente a partire dal 1945, e sarà Napoli il centro della sua produzione letteraria: alla prima raccolta di racconti seguiranno L’infanta sepolta e Il mare non bagna Napoli (Premio Viareggio del 1953). La scomparsa di entrambi i genitori e le polemiche causate dalla sua posizione critica nei confronti del mondo intellettuale e culturale dell’epoca portano la Ortese ad allontanarsi definitivamente da Napoli. Riprende così a viaggiare, nel 1965 pubblica L’iguana e dopo due anni vince il Premio Strega con il romanzo Poveri e semplici. Nel 1975 pubblica Il porto di Toledo e nello stesso anno, con la sorella, si trasferisce a Rapallo. Il cappello piumato(1979), Il cardillo addolorato (1993) e Alonso e i visionari (1996) sono i suoi ultimi lavori. Anna Maria Ortese scompare a Rapallo nel 1998.

 

READING DA "LA GRANDE VIA" | 4 MAGGIO H 20 | SCALONE MONUMENTALE 

Con Antonio Menna, Antonella Ossorio, Roberto Todisco, RIccardo Brun, Patrizia Rinaldi, Athos Zontini, Angelo Petrella, Sara Bilotti, Raffaella Ferrè, GIanni Solla, Miriam Candurro, Lorenzo Pavolini, Viola Ardone, Igor Esposito, Aldo Putignano, Marco Perillo, Silvio Perrella, Marcello Anselmo, Eduardo Savarese

MARCO ROSSARI

Milanese, scrittore e traduttore. Ha tradotto tra i tanti: Charles Dickens, Mark Twain, Percival Everett, Dave Eggers, James M. Cain, Hunter S. Thompson. Collabora con numerose riviste. Ha pubblicato nel 2012 L’unico scrittore buono è quello morto (e/o), Le cento vite di Nemesio 2016, e/o), Nel cuore della notte (2018, Einaudi).

 

INDIANATA | 4 MAGGIO H 21,30 | GIARDINO DELLE CAMELIE

VIRGINIA WOOLF

Scrittrice e saggista nasce a Londra nel 1882. Figlia del celebre storiografo e critico Leslie Stephen la Woolf cresce in un ambiente frequentato da artisti, letterati, storici e critici. Insieme a sua sorella fonda il gruppo Bloomsbury set, centro culturale e intellettuale che animerà Londra per oltre un trentennio. Nel 1912 sposa il teorico della politica Leonard Woolf, diventa un membro di spicco del gruppo da lei fondato e l’anno successivo, nel 1913, pubblica il suo primo romanzo La crociera. Nel 1917 fonda insieme al marito The Hogart Press, casa editrice che pubblica quasi tutte le sue opere: Kew gardens (1919); Giorno e notte (1920); La stanza di Jacob (1922), La signora Dalloway (1925) e Gita al faro (1927), Una stanza tutta per sé (1929). Per tutta la vita Virginia Woolf soffre di forti crisi depressive, nel 1941 le crisi aumentano fino a diventare insopportabili e la scrittrice decide di togliersi la vita lasciandosi annegare nel fiume Ouse.

 

SEDUTA SPIRITICA | 4 MAGGIO H 22 | GALLERIA FARNESE - STATUA DI PAN E DAFNI

CON CHIARA VALERIO

CHIARA VALERIO

Scrittrice, traduttrice e autrice di programmi televisivi e radiofonici, ha conseguito un dottorato in matematica all'Università Federico II di Napoli. Ha scritto romanzi e racconti, tra cui: La gioia piccola d'esser quasi salvi (nottetempo 2009), Spiaggia libera tutti (Laterza 2010), Almanacco del giorno prima (Einaudi, 2014), Storia umana della matematica (Einaudi 2016). Ha tradotto e curato le edizioni italiane di Flush (nottetempo, 2012) e Freshwater (nottetempo, 2013) di Virginia Woolf.

 

SEDUTA SPIRITICA | 4 MAGGIO H 22 | GALLERIA FARNESE - STATUA DI PAN E DAFNI

THOMAS MANN

Il romanziere autore di opere capitali della cultura novecentesca, come i Buddenbrook (1901), La morte a Venezia (1912) e La montagna incantata (1924), nacque a Lubecca nel 1875, in una ricca famiglia mercantile, il padre era titolare di una ditta di export-import in granaglie, l’influenza culturale gli arrivò dalla madre, una brasiliana, sensibile al mondo delle arti. Nel 1929 gli fu assegnato il Premio Nobel. Fu la grande mente che esaltò la cultura tedesca e si oppose all’avvento del nazismo già nel 1933, quando a Monaco tenne una conferenza dal titolo “Dolore e grandezza di Richard Wagner”. Si oppose a chi voleva intravedere nella musica di Wagner, simbolo dell’arte tedesca, le radici culturali del nazismo. È la sua ultima apparizione pubblica in Germania; parte per la Svizzera, poi raggiunge la comunità di esuli tedeschi in America.
I suoi romanzi, come i Buddenbrok, affrontano l’illusorio splendore della società di fine Ottocento attraverso l’ascesa e la decadenza di una famiglia mercantile. Arrivano poi i romanzi di riflessione sulla malattia personale come malattia del tempo de La montagna incantata, sull’arte in rapporto con la vita nel caso de La morte a Venezia e Il Dottor Faustus; fino al ciclo biblico Giuseppe e i suoi fratelli.

 

Mann al MANN | 5 MAGGIO H 20 | SALONE DELLA MERIDIANA

CON PAOLO DI PAOLO

PAOLO DI PAOLO

Romano, classe 1983. Nel 2003 entra in finale al Premio Italo Calvino per l'inedito, con i racconti Nuovi cieli, nuove carte. Ha pubblicato libri-intervista con scrittori italiani come Antonio Debenedetti, Raffaele La Capria e Dacia Maraini. È autore di Ogni viaggio è un romanzo. Libri, partenze, arrivi (Editori Laterza, 2007), Raccontami la notte in cui sono nato

(Giulio Perrone Editore, 2008). Ha lavorato anche per la televisione e per il teatro: "Il respiro leggero dell'Abruzzo" (2001), scritto per Franca Valeri; "L'innocenza dei postini", messo in scena al Napoli Teatro Festival Italia 2010. Nel 2011 pubblica Dove eravate tutti (Feltrinelli, vincitore del premio Mondello, Superpremio Vittorini e finalista al premio Zocca Giovani). Nel 2013 con Mandami tanta vita (Feltrinelli), è finalista al Premio Strega 2013. Nel 2016 pubblica con Einaudi Tempo senza scelte e con Feltrinelli Una storia quasi solo d'amore. Nel 2017 pubblica con Bompiani Papà Gugol e Vite che sono la tua. Il bello dei romanzi in 27 storie (Laterza, 2017).

 

Mann al MANN | 5 MAGGIO H 20 | SALONE DELLA MERIDIANA

VALERIO MASSIMO MANFREDI

Valerio Massimo Manfredi, archeologo e scrittore italiano, dopo essersi laureato in lettere classiche all’Università di Bologna è subito entrato nel mondo dell’archeologia, specializzandosi in topografia del mondo antico all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha insegnato nella stessa università Cattolica dal 1980 all’86 per poi iniziare una intensa carriera accademica prima all’Università di Venezia (1987) e dopo presso la Loyola University of Chicago, all’Ecole Pratique des Hautes Etudes della Sorbona di Parigi e alla Bocconi di Milano. T
Ha pubblicato numerosi articoli e saggi in sede accademica e ha scritto romanzi di grande successo, tradotti in tutto il mondo (per un totale di circa dodici milioni di copie vendute a livello internazionale). Moltissimi i riconoscimenti ricevuti: nel 2003 Nomina a Commendatore della Repubblica “motu proprio” del Presidente Carlo Azeglio Ciampi, Il premio Corrado Alvaro Rhegium Julii (2003) e premio Librai Città di Padova, nel 2004 il Premio Hemingway per la narrativa, nel 2008 il premio Bancarella e nel 2010 il premio Scanno. È autore anche di soggetti e sceneggiature per il cinema e la televisione. La sua trilogia Alexandros è stata acquistata da Universal Pictures per una produzione cinematografica e Dino De Laurentiis ha realizzato L’Ultima legione (Ben Kingsley, Colin Firth, Aishwarya Rai, Thomas Sangster, regia di Doug Lefler). Ha inoltre partecipato alla sceneggiatura di September eleven 1687 ispirato alla vita di Marco D’Aviano e diretto da Renzo Martinelli.

 

DIALOGO CON PAOLO GIULIERINI | 5 MAGGIO H 21,30 | PLASTICO DI POMPEI

DAVID FOSTER WALLACE

Wallace nasce a Ithaca, nel 1962, da Donald Wallace e Sally Foster Wallace. Vive fino alla quarta elementare in Illinois, per poi trasferirsi a Urbana, dove frequenta la Yankee Ridge School. Si laurea all'Amherst College nel 1985 in letteratura inglese e in filosofia, specializzandosi in logica modale e matematica. La sua tesi sulla logica modale viene premiata con Gail Kennedy Memorial Prize. Nel 1987 ottiene un Master of Fine Arts in scrittura creativa alla University of Arizona.
Insegna alla Illinois State University per gran parte degli anni novanta e nell'autunno del 2002 diventa professore di scrittura creativa e letteratura inglese al Pomona College, in California.
La sua prima opera pubblicata è The Broom of the System (La scopa del sistema), "il romanzo di formazione di un giovane wasp ossessionato da Wittgenstein e Derrida", che riceve dalla critica un’accoglienza entusiastica. 
Considerato il suo capolavoro indiscusso è Infinite Jest, del 1996.
Ha scritto anche vari articoli che spaziano fra lo sport, la critica letteraria e il puro reportage di costume con una vena ironica irresistibile, che sono stati raccolti nel 1997 in A Supposedly Fun Thing I’ll Never Do Again (Una cosa divertente che non farò mai più e Tennis, tv, trigonometria, tornado). Molti altri sono stati pubblicati sulle più influenti riviste americane.
Ha scritto anche racconti, pubblicati in rivista, che nel 2004 vengono raccolti in Oblivion (Oblio). Precedenti raccolte di racconti sono: Girl with Curious Hair (La ragazza dai capelli strani), Brief Interviews with Hideous Men (Brevi interviste con uomini schifosi), Questa è l'acqua (2009). Ha scritto anche le collezioni di saggi Considera l'aragosta (2006) e Il tennis come esperienza religiosa (2012).
Nel 2006 Einaudi pubblica il monumentale Infinite Jest. Nel 2011 esce l'ultima opera Il re pallido.
Il 12 settembre 2008, David Foster Wallace è stato ritrovato impiccato nella sua casa di Claremont dalla moglie Karen Green.

 

SEDUTA SPIRITICA | 5 MAGGIO H 22,30 | VILLA DEI PAPIRI - STATUA DEI CORRIDORI

CON STEFANO BARTEZZAGHI

STEFANO BARTEZZAGHI

Viene da una famiglia di enigmisti - il padre, Piero, era un famoso cruciverbista - e come autore ha esordito con un rebus nel 1971. 

Collabora con «la Repubblica» con rubriche di giochi (Lessico e nuvole) e di linguistica (Lapsus). 
Ha pubblicato numerosi volumi, tra i quali una storia del cruciverba, L'Orizzonte verticale (Einaudi 2007), Non ne ho la più squallida idea. Frasi matte da legare (Mondadori 2007), il racconto Variazioni (nel volume collettivo Questo terribile, intricato mondo, Einaudi 2008), Lezioni di enigmistica (Einaudi 2009), L'elmo di Don Chisciotte, contro la mitologia della creatività (Laterza 2009), Scrittori giocatori (Einaudi 2010), Non se ne può più - il libro dei tormentoni (Mondadori 2010), Sedia a sdraio (Salani 2011). Nell'ottobre 2011 pubblica presso Mondadori un galateo della comunicazione intitolato Come dire. Del 2012 è Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore (Einaudi).

 

SEDUTA SPIRITICA | 5 MAGGIO H 22,30 | VILLA DEI PAPIRI - STATUA DEI CORRIDORI

 
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Un'Altra Galassia ::associazione senza scopo di lucro::